Pagine

domenica 19 ottobre 2014

CASERTANA - Barletta 2-1

CASERTANA: Fumagalli, Bruno, Bianco, Rajcic, Idda, Murolo, Cissè, Marano, Diakitè (65’ Cunzi), Mancosu (74’ Antonazzo), Chiavazzo (53’ Mancino). In panchina: D’Agostino, D’Alterio, Mattera, De Marco. Allenatore: Angelo Adamo Gregucci
BARLETTA: Liverani, Zammuto (89’ Rizzitelli), Cortellini (78’ Guarco), Meola, Stendardo, Radi, Floriano, Palazzolo, Biancolino (65’ Fall), Venitucci, De Rose. In panchina: De Martino, Sokoli, Kiasis, Gemignani. Allenatore: Marco Sesia
RETE: Cissè 23’ (C), Palazzolo 58’ (B), Idda 87’ (C)
ARBITRO: Marco Piccinini della sezione di Forlì (assistenti: Manco di Vibo Valentia e Vecchi di Lamezia Terme)
NOTE: Ammoniti: Marano, Bruno (C); Palazzolo (B). Angoli: 4-3. Recupero: 1 nel primo tempo; nel secondo tempo. Spettatori: 3.000 con 100 circa provenienti da Barletta.
1Salernitana19
2Benevento19
3Casertana17
4Catanzaro17
5Juve Stabia16
6Lupa Roma16
7Matera15
8Lecce15
9Lamezia15
Nona giornata e quinta vittoria in questo campionato. Secondo posto insieme al Catanzaro e a 2 punti dalle prime in classifica Benevento e Salernitana...
Commentate

28 commenti:

  1. I trerribili di Caserta (uno dei tre)19 ottobre 2014 20:27

    Evvaii. Forza Casertana.
    Alla faccia di tutti quei tifosi perdenti che si accontentano di una Casertana disfattista, che a Lecce si puó perdere, che bisogna starsene zitti e non protestare quando si perde... alla faccia vostra.
    QUESTA è la VERA CASERTANA: quella che cerca la vittoria fino all'ultimo minuto.
    QUESTO è il vero falco.

    RispondiElimina
  2. Partita sotto certi aspetti piú difficile del previsto, ma considerando i passi falsi di altre squadre da competizioni che non hanno fatto punteggio pieno contro altre che stanno nella parte destra della classifica, direi che ci è andata benissimo.
    E comunque grande prestazione di tutta la squadra. Fenomenale Cissé.

    RispondiElimina
  3. Più che con le altr squadre, farei un paragone con la Casertana di inizio stagione: subíto il pareggio, attacchiamo per cercare di riportarci in vantaggio.
    Anche qui, bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, come dice qualcuno. Abbiamo fatto il gol del 2-1, ma se quel tiro non andava in rete e la partita finiva 1-1, a quest'ora parlavamo di tutt'altro.

    RispondiElimina
  4. casertani invece di litigare pensiamo alla casertana

    RispondiElimina
  5. Menti Opache - Cerasol Park19 ottobre 2014 22:32

    Noto una Casertana rivitalizzata dal continuo turnover.
    Alessandro può farsi una vita in panchina/tribuna, ma quando parte titolare, è capace di fare reparto da solo.
    Stesso discorso in Coppa Italia; abbiamo surclassato la Lupa perché abbiamo schierato parte della seconda squadra.
    Infine oggi, quando titolare è partito Chiavazzo, a parte il pressing biancorosso iniziale, in attacco siamo stati più spumeggianti del solito. Con l'inserimento di Cunzi nel.secondo tempo, la difesa del Barletta non c'ha capito più nulla.
    Comunque bravi tutti, se non altro per non aver demorso fino alla fine.

    RispondiElimina
  6. Discorso pericoloso: Coppa Italia.
    Al Pinto, anche se imbottiti di riserve, abbiamo affrontato una Lupa Roma che abbiamo dominato.
    Domenica, oltre al fatto che saremo noi ad esserr ospitati, incontreremo una Lupa Roma da campionato, più affamata, anche perché è una vita che non vince.

    RispondiElimina
  7. Cari amici rossoblù, io andrò controcorrente ma questa squadra non ha un gioco, non possiamo andare avanti aspettando sempre la prodezza del singolo. Gregucci non solo non ha dato un gioco ma non ha ancora deciso la sua formazione tipo, visto che cambia uomini ogni partita. Forza Casertana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enrico since 190820 ottobre 2014 09:28

      Non credo che tu stia andando controcorrente, anzi... Sentendo i commenti di chi mi attorniava ieri sera allo stadio, ma anche leggendo i commenti di chi mi ha preceduto qui sopra, ci manca solo che diamo il merito delle nostre vittorie al fatto che vinciamo solo quando giochiamo con i riflettori accesi, o meglio ancora con la "gloriosissima" maglia verde, ma non sento nessun osannare il gioco di Gregucci (a parte il mister stesso in sala stampa).
      Comunque la vittoria fa morale, e cosa più importante, serve a scacciare la pessima prestazione di Lecce.

      Elimina
  8. Sangue RossoBlu20 ottobre 2014 10:08

    Piccolo paradosso del Gregucci-style: il mister da giovane era un fortissimo difensore (convocato anche in Nazionale), conosce benissimo come far muovere i difensori della sua squadra, anche in fase offensiva (in questa squadra i difensori hanno fatto piú gol degli attaccanti... anche ieri una bella zampata di Idda). Eppure in fase difensiva lasciamo molto, ma molto a desiderare.

    RispondiElimina
  9. La squadra è stata costruita pensando di farla girare intorno ai vari Agodirin e Cruciani.
    Il primo tornerà a gennaio (anche se poi dovremo aspettare qualche altra settimana per farlo reinserire). Cruciani, non so se torna o non torna, ma non mi importa: spero che la figlia risolva tutti i suoi problemi. Il calcio non è niente rispetto a queste cose importanti.

    RispondiElimina
  10. Il Barletta è la squadra più debole che abbiamo visto a Caserta. Persino l'Aversa aveva corso molto di più dei pugliesi. Le partite vanno chiuse prima. troppi goal sprecati. Fortunatamente Idda l'ha buttata dentro! p.s. L'ho sempre difeso e continuerò a farlo perchè è il nostro condottiero. Ma è mai possibile che sugli spalti c'è sempre qualcuno che critica Gregucci? Stamm terzi in classifica... e che cacchio!!!

    RispondiElimina
  11. forse molti dimenticano da dove veniamo e pensano a giudicare e criticare!
    forza veri innamorati rossoblu' pensiamo a incitare x migliorare!

    RispondiElimina
  12. Ma che è successo ieri nei distinti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un piccolo litigio. ma non se ne parla di certo qui

      Elimina
  13. Ma che è successo ieri nei distinti?

    RispondiElimina
  14. Franco, io ieri sera (e molti come me) c'ero sui gradoni, e so per certo i motivi per cui tu non vuoi che se ne parli qui sopra.
    Io penso che tu sia l'amministratore del blog, e non devi cedere alle minacce di quelli che ieri sera ti hanno tirato in ballo, anche se indirettamente.
    Guarda, per tutti coloro che ieri sera non erano al Pinto, o erano al Pinto, ma in tribuna, scrivi la cronaca di quello che è successo (specie in occasione del gol del pareggio), e vedi che avrai i messaggi di sostegno di tutti noi.
    Non avere paura.
    Contro ogni forma di prepotenza.

    RispondiElimina
  15. Ma non mi hanno tirato in ballo... Cmq io alla fine del primo tempo sono andato a prendermi una pepsi e ho visto tutti che stavano li a guardare. Alla fine non ho capito ne chi era ne i motivi. Dopo la partita ho ascoltato i racconti. Sinceramente non mi interessa più di tanto. Dico solo non parlarne qui sopra per il semplice fatto che tutti. Proprio tutti possono leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una casa è sicura. Urge il settore popolare. Ieri c'erano donne e bambini a guardare

      Elimina
    2. Il fatto delle donne e dei bambini è stata la cosa che più mi ha fatto rimanere male.
      Il fatto che ti ho scritto di non cedere alle minacce, è perché sappiamo chi erano i protagonisti... purtroppo sempre gli stessi.
      Comunque concordo sul fatto di non scrivere qui sopra, era solo per dirti che ci sarebbe stata la solidarietà di tutti gli utenti di questo blog.

      Elimina
  16. Sono l anonimo che ho chiesto cosa era successo. In realtà non ho proprio idea di cosa fosse accaduto...avevo letto su fb che era successo qlksa e che dispiaceva x i bambini e allora qui ho chiesto di cosa si trattasse nn sapendo che ci si riferiva a qlksa inerente a qst blog..o sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece sono l'anonimo delle 16:57 e 17:53. Ho scritto "Franco coinvolto indirettamente", perché ieri nel parapiglia, in uno dei momenti piú concitati, è stato gridato (non faccio nomi... da quello con la maglietta rossa): "E' inutile che 'ngopp a Facebook scrivet 'na cosa e stasera ricit tutt 'u cuntrarj".
      Indirettamente ha tirato in balll social network e blog vari, dove si pubblica di tutto, anche opinioni discordanti dal pensiero-guida di taluni personaggi.
      Adesso ho scritto anche troppo.

      Elimina
  17. Il vero male della tifoseria casertana é l'accettare personaggi che poco hanno a che fare con questa cittá. I fedelissimi si contano sulle dita della mano. Non fatevi strumentalizzare. Onore ai tifosi che hanno respirato la polvere di Casapesenna.

    RispondiElimina
  18. Ho capito..quello che non capisco è proprio quelllo che è successo: come mai è nato questo "parapiglia" ? Che è successo all improvviso?

    RispondiElimina
  19. Azz stevn vattenn franco...non ci credo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha maronn ma ca se travisano e cose. io Nun c azzecc a nient cu stu fatt. Sono arrivato dopo quando già era finito tutto. E forse qualcuno si riferisce al fatto che Alberto Cas m ha urlato qualcosa. Ma io e Alberto pazziamm ogni volta che ci vediamo.
      Mercoledì venire alla riunione e fatemi dire che è successo. Chiudiamo sta discussione sul blog. Grazie

      Elimina
  20. Perche' dovrebbero strumentalizzare? A pro di che?

    RispondiElimina
  21. spettatori presenti 3500 correggi

    RispondiElimina
  22. Franco....Ma dopo che ti hanno PICCHIATO SELVAGGIAMENTE....sei stato medicato li sul posto.....oppure direttamente trasportato all istante al PRONTO SOCCORSO A SIRENE SPIEGATE??? AHAHAHAHAA

    RispondiElimina

Commenti soggetti a moderazione degli amministratori.